martedì 15 maggio 2018

SAAL DIGITAL FA LA DIFFERENZA!

Stampare le proprie foto, raccoglierle in un fotolibro, oppure creare bellissimi fotoquadri, calendari, cartoline, ebbene affidatevi alla professionalità di Saal Digital.
Facile da utilizzare, sito web ➡ Saal Digital.it semplice e chiaro, servizio rapido e di altissima qualità.

E poi, iscrivendosi alla loro newletter si ricevono informazioni di prima mano sui prodotti nuovi, le ultime promozioni, le novità per professionisti del settore e gli aggiornamenti del software.

Potete seguire Saal Digital anche su Facebook ➡ Saal Digital Italy su FB per saperne di più!

Prodotti fotografici di alta qualità - per la Saal Digital non solo una promessa, bensì una garanzia. L'obiettivo principale è offrire prodotto e servizio impeccabili.

Grazie ai tempi di produzioni di soli pochi giorni lavorativi ed una spedizione rapida come un fulmine potrai tenere tra le mani il tuo prodotto fotografico in breve tempo.

Una comunicazione trasparente e diretta. La produzione dei prodotti avviene senza passaggi intermedi, direttamente dalla Saal Digital.

Su tutti i prodotti fotografici, non troverai il loro logo, riceverai pertanto un prodotto neutro, da personalizzare secondo le nostre idee.

Puoi pagare con carta di credito e Paypal senza alcun rischio.

E la soddisfazione dei clienti è al primo posto per Saal Digital, quindi qualora il prodotto non dovesse soddisfare le tue aspettative, troveranno una soluzione soddisfacente.

Io ho ordinato un fotoquadro formato 75x50 in pvc dello spessore di 5 mm e posso così garantire la massima rapidità e la migliore qualità:

Il pannello PVC affascina con incredibili caratterisitiche.

La stampa diretta UV a 6 colori (di solito sono solo 4) è di ultima generazione e include i colori chiari. I raggi ultravioletti asciugano completamente e quasi istantaneamente l'inchiostro, permettendo una stampa ad alta risoluzione (senza problemi di pixel) e di migliore resa dei colori. Oltre ai formati standard puoi scegliere un formato tutto tuo.

Grazie al loro stile moderno e prezioso, i quadri stampati su pannelli forex sono adatti per allestire sia le tue pareti interne come casa e ufficio sia esterne. Il processo di stampa diretta UV è molto resistente alla luce e all'acqua e riporta colori durevoli. Di conseguenza, le tue immagini sono ideali anche per stanze più umide come il bagno o la cucina. Utilizziamo solamente inchiostri UV privi di COV (composti organici volatili).
Il pannello PVC è una lastra in espanso rigido che si distingue per un'incredibile leggerezza ed una superficie simmetrica di alta qualità. Per questo motivo questo materiale di supporto è adatto anche per cartelli pubblicitari ed allestimenti di stand fieristici. L'alta qualità viene raggiunta tramite la procedura di stampa diretta, la quale imprime con l'asciugatura la tua foto sulla lastra di Forex (PVC). Il risultato è un prodotto resistente alle intemperie e a graffi per le massime esigenze.

Sono estremamente soddisfatta del mio acquisto e penso rivolgermi a loro molto presto per una ulteriore stampa da regalare. Sicuramente sarà un dono gradito avendone testata la perfetta realizzazione!

Kly

sabato 12 maggio 2018

I CAPATOSTA - PIZZERIA (MILANO)

Nel 2007 tre amici hanno scelto di intraprendere un’avventura nel settore della ristorazione di qualità.
I Capatosta, nota pizzeria di Milano ha tre sedi: la storica sul Naviglio Grande, fulcro della movida meneghina, la seconda a Rozzano, comune appartenente alla stessa area metropolitana, e la terza in via Conchetta 15, sempre nel capoluogo milanese, nei pressi del Naviglio Pavese.

Le pizzerie, I Capatosta preparano la pizza più nota, quella definita come alta perché caratterizzata da bordi più corposi e una parte centrale più sottile. È, infatti, la tipica pizza napoletana la protagonista del menù, preparata con un impasto fatto lievitare a lungo, per circa 24 ore, che si contraddistingue per il cornicione più alto che riesce a mantenere una straordinaria consistenza friabile. La particolarità di tale cornicione è che può essere persino farcito con ingredienti golosi attraverso i quali si amplifica maggiormente il gusto.
L'alta qualità delle materie prime, farina doppio zero, lievitazione dalle 30/48 ore, che permette una alta digeribilita’, il pomodoro San Marzano dop, e mozzarella di fior di latte, ricotta di bufala, provola napoletana e culatello, sono i punti di forza della produzione. 
Il gusto della pizza è corposo e al tempo stesso leggero perché basato sulla preparazione di un impasto altamente digeribile che, lievitato naturalmente e cotto in forno a legna, acquisisce delle note interessanti. L’estrema leggerezza dell’impasto tradizionale è ottenuto dalla lavorazione di farina 00 Caputo.
All’ampia scelta di pizze per tutti i gusti, preparate rigorosamente in forno a legna, si unisce anche un ricco menù delle bevande che prevede una vasta selezione di birre artigianali, birre alla spina delle linee Moretti e vini (bianchi, rossi e rosati). Si cerca così di soddisfare ogni richiesta e venire incontro a tutti i tipi di esigenze.

Elementi distintivi: la simpatia del personale, attenzione verso i clienti, ed il miglioramento costante del servizio, disponibilità costante verso tutti.

Le sue tre sedi possono essere prenotate per festeggiare eventi, compleanni, pranzi di lavoro e altre ricorrenze importanti. La sede sul Naviglio Grande dispone anche di uno spazio all’aperto con giardino da sfruttare nella bella stagione.
La pizzeria effettua anche il servizio d’asporto e consegna a domicilio

Per altre informazioni sui loro ristoranti e menù, visitate il sito web ➡ I CAPATOSTA - PIZZERIA e seguite la interessante pagina Facebook ➡ I CAPATOSTA - Ristorante Pizzeria Via Conchetta - Milano

Kly

venerdì 4 maggio 2018

LA BREVE FAVOLOSA VITA DI OSCAR WAO - JUNOT DIAZ

“La breve favolosa vita di Oscar Wao” dello scrittore domenicano, naturalizzato statunitense, Junot Diàz è un romanzo che sorprende, diverte e commuove in quanto, nelle sue 350 pagine, si alternano spietato cinismo a dolente tenerezza.
Se ci si vuole perdere in modo inaspettato tra diversi personaggi, in diverso tempo, in diversi luoghi questo libro è quello che ci vuole.
La storia, anzi le storie, si spostano dalla Repubblica Domenicana al New Jersey negli States, dalla terribile trentennale dittatura di Trujillo ai ghetti americani e i personaggi sono tutti molto particolari.
Il protagonista, ma non assoluto, è Oscar, un ragazzo goffo e obeso perso nel suo mondo fantascientifico, ma intorno a lui gravitano donne con una loro particolare storia.
Ciò che sembra guidare tutte le vita della famiglia è il fukù, un’antica maledizione domenicana che porta sventura e tragedie.
Il linguaggio utilizzato dall’autore è innovativo, schietto, moderno, colorato, vivace con molte parole in spagnolo e note esplicative spesso molto lunghe. Il tutto è scorrevole e accattivante.
È una storia di fantasia, che sembra esageratamente ricca di fatti e misfatti, ma calata prepotentemente nella realtà che fu e che è. Il feroce realismo tipico di alcuni scrittori sud americani c’è.
E’ una lettura che si adatta a uomini, donne, giovani, vecchi, belli, brutti, fortunati o sfigati, violenti o vittime, nerd o sciupa femmine. C’è un po’ di ognuno di loro tra le righe!

Nel 2008 questo romanzo vinse il premio Pulitzer. 
In Italia è pubblicato dalla casa editrice Mondadori.

Oggi la Denny consiglia di leggere “la breve favolosa vita di Oscar Wao” di Junot Diàz per scoprire se Oscar è l’unico uomo domenicano a morire vergine.

Buona lettura!

Denny

Approfondimenti :


Questo articolo partecipa al Venerdì del libro su HomeMadeMamma

Per la Reading Challenge 2018 di TuttoPerTutti questo libro può rientrare nelle categorie: 01 - 17 - 40 - o +1

mercoledì 2 maggio 2018

COMETA by PARTENOPE CONVERTING

Prodotti i quali, ormai non potremmo più farne a meno...

Cometa è la linea di Partenope Converting che presenta una vasta gamma di prodotti monouso dal tissue alle bobine, dalla carta igienica alle tovagliette. 

La Partenope Converting è un’azienda occupata nella trasformazione e produzione della carta, dalla trasformazione della cellulosa per uso domestico alla realizzazione della carta, la quale si propone di garantire sempre un elevato standard qualitativo e di rafforzare quindi i risultati della propria attività in termini di performance ambientale, economica e sociale. 

L’azienda si impegna a rendere costantemente trasparenti i propri obiettivi ed il proprio operato, con il massimo rigore professionale, raggiungendo inoltre eccellenza operativa e certificando il beneficio ambientale derivante dalle proprie attività. I prodotti riguardano tutto il mondo della carta per uso domestico. 

I prodotti Cometa sono di altissima qualità, dovuta alle caratteristiche tecniche di ogni linea.
La chiarezza delle etichette, il rispetto verso il consumatore, le indicazioni chiare su numero e dimensione degli strappi, lunghezza dei rotoli, peso dei prodotti, informazioni reali e verificabili , questo è il "patto con il cliente" sottoscritto dalla ditta.

Un'ampia gamma che comprende: asciugatutto mono-rotoli, tovaglioli, carta igienica e fazzoletti.

Visitate il sito ufficiale ➡  PARTENOPE CONVERTING - COMETA e la pagina Facebook ➡COMETA TISSUE ON FACEBOOK

Kly

lunedì 23 aprile 2018

PIOGGIA DI ROSE di ANTONIA ARSLAN (racconto breve tratto da IL CORTILE DEI GIRASOLI PARLANTI)

Avevo appena imparato a leggere,  dopo aver imbrogliato per molti mesi nonni e zii, facendo finta di capire la prima pagina di un numero del "Corriere dei Piccoli" che amavo moltissimo,  e che sapevo a memoria.
Allora stavamo al Dolo, sulla Riviera del Brenta. 
E dopo pochi giorni di scuola,  scoprii la cartolibreria di fronte al canale. 
Sul davanti, era un negozio come tanti altri;  ma dietro,  c'era un retrobottega odoroso di legno e di libri, il profumo della felicità. 
Mi arrampicavo sulla vecchia scaletta di legno conni gradini scricchiolanti (e dal tipo di rumore il vecchio signir Arrigom il proprietario,  sapeva su quale scalino ero arrampicata, e a volte veniva a tirarmi giù: "No la xe par ti, sta roba", diceva con autorità).
Ma un giorno trovai Pioggia di Rose, una raccolta di novelle di Ferenc Herczeg, edizione Corticelli.
Mi innamorai di ogni storia di quel libro. 
Mi piaceva ogni cosa: la copertina un po' rigida,  le illustrazioni dal segno netto, senza sfumature,  le pagine dalla stampa ben spaziata, che si leggeva facilmente;  e soprattutto il titolo.
E lo lessi tutto, seduta sulla scaletta, finché un pomeriggio trovai il coraggio di chiedere al signor Arrigo se mi permetteva di portarmelo a casa.
"Certo" rispose "ma prima, sai, devi pagarmelo. Ricordati che chi legge, paga."

Antonia Arslan 
(Il cortile dei girasoli parlanti)

venerdì 20 aprile 2018

IO SONO VITA - EMILY SERRA

Quando "quel momento" arriva, non si è mai preparati.
Nè se ne siamo noi i protagonisti, nè se ne siamo semplici spettatori.

Nata a Gattinara nel 1984, ma di seconda generazione sarda, Emily Serra racconta nel suo libro "Io sono vita, il momento dell'addio alla vita terrena di suo suocero: nonno Romano. O meglio, la sua visione personale e romanzata di come avrebbe potuto essere quel fatidico momento. 

Un racconto di 35 pagine nelle quali con la voce narrante di nonno Romano, Emily Serra dipinge i ricordi che scorrono veloci negli ultimi istanti della sua esistenza.

Molti aneddoti sono avvenimenti che lo stesso suocero amava raccontare a suo figlio Simone, marito di Emily, a lei stessa e ai suoi cari; altri, possibili pensieri sgorgano dalla fantasia della scrittrice, ma fedeli alla personalità forte e determinata di nonno Romano.

Chi era Nonno Romano? Un uomo come tanti che dopo aver lavorato tutta la vita, è pensionato, cura il suo orticello ed accude le sue adorate piccole pesti, i suoi nipotini. Ha le sue manie, le sue abitudini, ma anche un amore infinito per la sua famiglia. Nel dicembre 2016 è vittima di un aneurisma cerebrale. La prima persona ad accorrere alla chiamata di soccorso della moglie Germana è proprio Emily, che entrando a casa trova il suocero riverso sul pavimento. Questo attimo resta così impresso nella mente di Emily che è proprio da questo punto che comincia la narrazione.

Emily confessa che non è mai stata brava a parlare, ha preferito sempre mettere per iscritto i suoi pensieri ed emozioni.

Poco dopo i funerali di nonno Romano, Simone palesa alla moglie di non voler considerare suo padre defunto, perché "LUI È VITA". Ed è proprio questa frase la scintilla che infiamma la vena letteraria di Emily, la quale in soli 5 giorni scrive di getto su di un block notes le sue emozioni e i suoi pensieri. 

In occasione della festa del papà 2017, Emily decide di battere a macchina, stampare e rilegare in un semplicissimo libretto giallo queste frasi, da regalare a Simone. 

Il personalissimo presente letterario viene letto dalle colleghe ed amiche di Emily, che caldamente le consigliano di pubblicarlo e lei si lascia, fortunatamente per noi che oggi possiamo dilettarci con questo racconto, convincere.
Emily ed io.
Melissa Mecenero photograpy

Inizia così la ricerca di una casa editrice interessata al manoscritto. Dopo aver vagliato varie offerte, il caso permette ad Emily di incontrare Sandro Beretta della casa editrice Le Piccole Pagine. Sandro favorevolmente colpito dal genere difficilmente definibile del libro e dallo stile di scrittura, seppur consapevole che in Italia la vendita di libri è complicata e quindi sempre alla ricerca di qualcosa di particolare ed inusuale, decide pubblicarlo. Come lui stesso lo ha definito: "Un libro a metà tra narrazione e pensieri che ci riporta a quanto di più apparentemente banale ogni giorno dimentichiamo: La vita stessa."
Nasce così "Io sono vita", un dolcissimo desiderio di mantenere vivo il ricordo di Romano, della sua vita piena ed aprendo anche una finestra sulla Gattinara che fu.
Una parte del ricavato della vendita del libro è destinato ad una nobile causa: sostenere il PROGETTO REBECCA.
Rebecca Bonaffini diventa un Angelo il 2 Ottobre 2012, giorno degli Angeli Custodi, a causa di un Virus ancora oggi sconosciuto. Da questo forte dolore e dall’Amore del papà Giovanni nasce il “PROGETTO REBECCA il progetto dei bimbi” al fine di ricordare e dare un senso a questa tragedia. Si vuole mantenere vivo il ricordo della piccola attraverso opere di aiuto ai bambini più poveri. Sono nate così una serie di iniziative per raccogliere fondi a favore di strutture di accoglienza per bambini da 1 a 10 anni in India ed in Italia, attraverso il sostegno ad asili nido, scuole materne, scuole elementari.
Per approfondire la conoscenza del progetto, è possibile visitare la pagina internet: Progetto Rebecca

"Io sono vita" di Emily Serra su IBS

Kly

Questo articolo partecipa al Venerdì del libro su HomeMadeMamma

Per la Reading Challenge 2018 di TuttoPerTutti questo libro può rientrare nelle categorie: 01 - 04 - 06 -12 - 19 - 32 o +1

giovedì 19 aprile 2018

IL MODO DI LIA by PROFESSIONAL'S

Siete alla ricerca di una Hair Stylist per donna, uomo e bambino a Milano?
La soluzione è semplice! Recarsi da Il Modo di Lia in via Anfossi 17/19.

Lia Giorgio accoglie tutte i suoi clienti in uno spazio polifunzionale nel quale è possibile trovare una vasta offerta di trattamenti a servizio di coloro che sono sempre molto attenti al proprio look; per chi necessita di un servizio di total look, in partnership con i migliori stilisti, per modelle, personal styling o wedding planner che necessitano di ulteriori servizi hairstyle estetica beauty e make-up per i loro clienti.
Lia propone colorazioni senza nichel e ammoniaca, extension con capelli naturali e trattamenti anti-caduta. Ma non solo! 
Nel salone di bellezza di Lia potrete godere di percorsi di remise en forme, programmi personalizzati viso, braccia e seno, anti-age corpo e viso senza bisturi, trattamenti dimagranti, epilazione, luce pulsata e radio-frequenza.

Lia, ha collaboro con importanti professionisti della moda e della bellezza ed adesso con piu di 30 anni di esperienza, insieme al suo staff, si prende cura delle proprie clienti consigliando il look più adatto, avvalendosi di prodotti biologici selezionati tra le migliori marche internazionali.

Concedetevi una coccola affidandovi alle mani ed esperienza di Lia.

Visitate il sito web ➡ IL MODO DI LIA, nel quale troverete ulteriori informazioni sui suoi molteplici servizi mirati alla esaltazione della vostra bellezza e trasformazione estetica.

E seguite Lia sui canali social: 
sulla pagina Facebook ➡ @ilmododilia
anche su Instagram ➡ilmododilia

Kly

venerdì 6 aprile 2018

LE NOSTRE ANIME DI NOTTE - KENT HARUF

"Le nostre anime di notte" è un breve romanzo uscito postumo, nel 2015, dello scrittore statunitense Kent Haruf. In Italia è giunto due anni dopo a cura della casa editrice NN.
Lo scrittore è noto soprattutto per la trilogia della pianura ma io, prima di cimentarmi con quest'ultima, ho voluto saggiarne lo stile con questo breve romanzo.

I protagonisti di "Le nostre anime di notte" sono due anziani, Addie Moore e Luis Waters, che vivono nell'immaginaria città di Holt in Colorado. 
Addie , un giorno come tanti, va a fare visita al vicino, Luis, e in modo diretto gli chiede se vuole passare la notte con lei. Chiarisce che soffre di insonnia e che non desidera altro che parlare.
Inizia così, in modo titubante, un rituale che si ripete notte dopo notte. 
Nel silenzio esterno i due, sdraiati nello stesso letto, si scambiano racconti, ricordi, rammarichi e dolori, addormentandosi poi mano nella mano.
Intimità, amicizia, affetto e amore sono gli ingredienti di questo delicato, garbato, dolce romanzo; solo le reazioni delle altre persone a questa relazione deturpano la bellezza di questo rapporto.

Da questo libro è stato tratto un film per Netflix che spero di vedere presto e che ha come protagonisti due mostri sacri del cinema, che trovo perfetti per le parti: Jane Fonda e Robert Redford.

Buona lettura.

Denny

Approfondimenti:

Questo articolo partecipa al Venerdì del libro su HomeMadeMamma

Per la Reading Challenge 2018 di TuttoPerTutti questo libro può rientrare nelle categorie: 01 - 11 - 33 o +1

venerdì 30 marzo 2018

AMERICANAH - CHIMAMANDA NGOZI ADICHIE

AMERICANAH è un termine, usato in Nigeria per schernire le persone che, dopo aver vissuto negli Stati Uniti, vogliono assomigliare ai cittadini americani e ne prendono il linguaggio e i modi di fare.
Ifemelu, la protagonista del romanzo che prende il titolo da questa parola, diventa , suo malgrado, Americanah, quando ritorna nel suo paese dopo molti anni vissuti negli States.

Esserlo è al tempo stesso fortuna e colpa.
Sull'essere e il non essere, sull'apparire, sull'appartenenza vera o presunta, sulle differenze culturali verte questa storia che parte dalla Nigeria, passa per gli Stati Uniti e Londra e poi ritorna in Africa. 
È il viaggio tra passato e presente di una donna alla ricerca di se stessa, calato nell'attualità. Ma anche la parentesi dedicata alla vita a Londra del giovane Obinze è molto interessante.
"Americanah" è una storia veritiera e onesta di quale siano la vita, i pensieri, le paure e le speranze dei giovani che lasciano il loro paese in cerca di maggiori opportunità.
È un romanzo di finzione ma sicuramente la scrittrice, Chimanda Ngozi Adichie, ha pescato nel suo personale, in quanto lei stessa si trasferì dalla Nigeria negli USA per frequentare l'università.



Parla di vita, di compromessi, di amori e molto di razzismo. In modo chiaro, lineare e moderno.
Questo libro esplora il problema del razzismo, ma non quello cattivo che tutti condannano, ma quello che si manifesta con piccole e grandi derive xenofobe a cui ci si è quasi assuefatti. Su questo argomento ho trovato tra le pagine diverse frasi e riflessioni che mi hanno particolarmente colpito.

L’incontro e scontro tra diverse culture è il cuore di queste circa 500 pagine che in fondo sono anche una difficoltosa storia d’amore.



La prima edizione italiana di questo bel romanzo è del 2014 a cura di Einaudi 

Oggi la Denny suggerisce un viaggio andata e ritorno dalla Nigeria agli States con Ifemelu attarverso “Americanah” di Chimanda Ngozi Adichie.

Buona lettura!


Approfondimenti:


Denny

Questo articolo partecipa al Venerdì del libro su HomeMadeMamma

Per la Reading Challenge 2018 di TuttoPerTutti questo libro può rientrare nelle categorie: 01 - 43 o +1

venerdì 23 marzo 2018

CLINICA BRIANTEA ODONTOSTOMATOLOGICA DI ALBIATE ( MONZA E BRIANZA)

Conserva o recupera il sorriso e non solo! 

Sorridere e ridere fa bene! 
La Clinica Briantea Odontostomatologica di Albiate (Monza e Brianza) lo sa ed è per questo che offre servizi odontoiatrici di qualità nel cuore della Brianza per raggiungere quante più persone possibili.
Implantologia zigomatica, implantologia pterigoidea, implantologia a carico immediato, protesi dentale, protesi corona, Protesi a carico immediato, Rilevazione impronta con scanner ottico, Sedazione con anestesista in sala, Medicina chirurgia estetica, igene dentale, apparecchio trasparente, invisalign sono solo alcuni dei servizi offerti.

L'attività prevalente è la odontoiatria e chirurgia implantare e maxillo-facciale, ma la stretta collaborazione con medici di riconosciuta fama come l'ortopedico dottor Stefano de Simone della Clinica Zucchi di Monza o il neurochirurgo dottor Edvin Zekaj permette alla Clinica Briantea Odonstomatologica di essere un vero centro poliambulatoriale, con possibilità di visite mediche specialistiche.

Le tecnologie all'avanguardia in dotazione del centro permettono agli odontoiatri offrire la massima sicurezza ed attenzione ad ogni trattamento. 
Il centro dispone di 2 postazioni per i trattamenti di routine e una sala chirurgica, ove sono installati dispositivi per affrontare interventi tutelando sempre la salute dei pazienti. 

Ed inoltre dispone di un reparto di medicina e chirurgia estetica. Il Dott. Matteo Marino, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica si occupa di trattamenti al viso, corpo, seno, peeling, filler e botulino.

Visitate il sito web ➡ CLINICA BRIANTEA ODONTOSTOMATOLOGICA e la pagina Facebook ➡ CLINICA BRIANTEA ON FACEBOOK

Kly 

lunedì 19 marzo 2018

CAMILLA E LE ROSE GIALLE di ANTONIA ARSLAN (racconto breve tratto da IL CORTILE DEI GIRASOLI PARLANTI)

Erano bellissime, le rose gialle  a spalliera. Grandi, corpose, stavano vicino al cipresso grande, ed erano profumate di vaniglia e di tutta la dolcezza del mondo. 
I fiori sbocciavano in fretta e si aprivano subito, enormi. Se ci penso, risento ancora quel profumo lieve e intenso, che si diffondeva per tutto il giardino all’inizio di giugno, insieme con quello, ancora più dolce, dei gigli di sant’Antonio.
Facevamo a gara, la mia amica Camilla e io, per inventargli un nome raffinato, e fantasticavamo di raccogliere i petali e distillare un profumo speciale. Una volta ci provammo, sfogliando molte rose in un grande barattolo da marmellata, che poi chiudemmo ermeticamente, nascondendolo in cantina. Ci mettemmo anche un’etichetta: 《 Proprietà privata di Antonia e Camilla.》
Un mese dopo, speranzose, provammo ad aprire il vaso, ma se ne sprigionò una puzza terribile di muffa e di marcio. Furtivamente, andammo a seppellire il contenuto in un angolo del pollaio, per non farci vedere dalla Gigia, che sorvegliava occhiuta le sue galline e le sue uova.
Poi ci sedemmo malinconiche sui gradini. E Camilla disse:《 Il mio papà è disperso in Russia. Vorrei pensare a lui, ma non vedo più la sua faccia. Vorrei piangere, ma non ci riesco. E il suo ricordo è diventato come le rose nel barattolo.》

Antonia Arslan 

venerdì 9 marzo 2018

LACCI - DOMENICO STARNONE

"Lacci" di Domenico Starnone, edito per la prima volta nel 2014 da Einaudi, è un romanzo a tre voci: la prima parte riprende le lettere di Vanda, la moglie; la seconda è il racconto di Aldo, il marito e la terza è ad appannaggio della figlia Anna.
Cosa racconta questo libro? 
In sintesi, si potrebbe dire che ripercorre i quattro anni di separazione, di una coppia ormai anziana, durante i quali Aldo ha avuto una relazione con la giovane Lidia.
Ma non è tutto qui.
Attraverso i pensieri dei personaggi si arriva a capire che il matrimonio descritto è un matrimonio triste e devastato dal tradimento, che ci sono rancori e rammarichi, sensi di colpa e rabbia, falsità e omissioni, senso di abbandono e sentimenti repressi.
I "Lacci" del titoli sono quelli delle scarpe, ma anche i legami forzati che si sono instaurati in questa famiglia infelice.
"Lacci" è un romanzo molto bello, che consiglio, anche se è pervaso da pessimismo e rassegnazione.


Oggi la Denny consiglia il romanzo "Lacci" di Domenico Starnone che si riassume nell'amara riflessione «Abbiamo imparato entrambi che per vivere insieme dobbiamo dirci molto meno di quanto ci nascondiamo».
Buona lettura

Link utili:
https://it.wikipedia.org/wiki/Domenico_Starnone

Denny 

Questo articolo partecipa al Venerdì del libro su HomeMadeMamma

Per la Reading Challenge 2018 di TuttoPerTutti questi libri possono rientrare nelle categorie: 01 - 39 o +1

giovedì 8 marzo 2018

DIRTY BUSINESS: Con Generali l'unica cosa ad essere assicurata è un futuro di disastri climatici!

Generali sostiene di "costruire per le persone le migliori soluzioni di protezione". Quello che non dice è che Generali, la compagnia assicurativa numero 1 in Italia sta fornendo copertura assicurativa e finanziando alcune centrali e miniere di carbone in Polonia che sono tra le più inquinanti d'Europa.
È quanto rivela "Dirty Business", report lanciato oggi dalla rete internazionale Unfriend Coal, di cui fa parte anche Greenpeace.
Le centrali e miniere finanziate da Generali sono Kozienice, secondo impianto più grande d'Europa, Turow, che si calcola inquini l'acqua potabile di 30mila persone, e Opole, che raddoppierà la produzione, nonostante già emetta oltre 5 milioni di tonnellate di CO2 l'anno. Anche se sono in Polonia, i loro effetti arrivano fin dentro casa nostra. Parliamo di un numero stimato di 400 morti premature ogni anno in Italia causate dal carbone polacco.

Offrire una polizza assicurativa a una miniera o a una centrale di carbone per una tecnologia vecchia e distruttiva equivale a sostenere i peggiori responsabili del cambiamento climatico!

Greenpeace chiede a Generali:

  • fermare le coperture assicurative per tutte le centrali a carbone nuove ed esistenti, le miniere e i progetti associati;
  • disinvestire, senza alcuna eccezione, dalle aziende che pianificano investimenti in nuove centrali a carbone, miniere e infrastrutture associate;
  • disinvestire, senza alcuna eccezione, dalle aziende che generano più del 30% di energia dal carbone o che hanno più di 10 GW di capacità energetica installata di carbone;
  • disinvestire, senza alcuna eccezione, dalle aziende che traggono dal carbone oltre il 30% del loro fatturato o producono più di 20 milioni di tonnellate di carbone all'anno.


FARE AFFARI CON IL CARBONE CI ASSICURA SOLO DISASTRI CLIMATICI!

Chiedi a Generali di non finanziare più centrali e miniere a carbone
FIRMA


Grazie per il tuo impegno

Luca Iacoboni
Campagna Energia e Clima

Sostieni Greenpeace

La tua donazione dà la forza di entrare in azione per difendere il Pianeta dagli abusi ambientali e proporre soluzioni sostenibili!

venerdì 2 marzo 2018

THE WOLFE BROTHERS - MARKUS ZUSAK

Markus Zusak è uno scrittore australiano, noto soprattutto per il romanzo “La bambina che salvava i libri”, dal quale è stato tratto il film “Storia di una ladra di libri” (ne ho parlato qui ➡ La bambina che salvava i libri )
Prima di questo suo famoso romanzo ha scritto e pubblicato una trilogia per ragazzi, che in Italia è arrivata solo l’anno scorso (con più di 15 anni di ritardo!).
Io ho un rapporto conflittuale con trilogie e affini: per lo più mi sembrano un’astuzia commerciale, visto che un librone di 800 pagine può spaventare di più i potenziali lettori rispetto ad uno da 200 con seguiti, e ho anche l’impressione che, rispetto ad un'unica opera, i romanzi così strutturati tendano ad allungare il brodo, per così dire.
Però c’è un vantaggio: leggendo il primo libro si ha la possibilità di conoscere trama e stile per poi eventualmente interrompere, senza sensi di colpa, la lettura dei successivi.
Cosa che non mi è successa con quelli che suggerisco oggi.
La trilogia denominata dei fratelli Wolfe, pubblicata da Frassinelli, inizia con il romanzo “A 15 anni sei troppo vecchio”, prosegue con “Vorrei essere mio fratello” e termina con “Il cielo è fatto di lei e di me”.
Per mera curiosità e paragone vi elenco i tre titoli originali che sono molto diversi da quelli proposti in Italia: The under dog - Fighting Ruben Wolfe - When dogs cry.
Il protagonista di questi libri è Cameron Wolfe, un ragazzo di 15 anni che vive in una modesta famiglia un po’ problematica, che racconta in prima persona la sua vita, le sue disavventure, le sue speranze, il suo costante senso di inadeguatezza e fallimento.
Risulta essere una lettura coinvolgente e a tratti divertente o commovente.
Questi romanzi sono particolarmente adatti agli adolescenti. Rientrano in quella moderna  classificazione denominata young-adult che personalmente non disdegno. La trovo interessante e di solito ha un linguaggio schietto e immediato e un ritmo veloce.
L'insieme dei tre libri può essere anche considerato un romanzo di formazione, in quanto il fulcro della storia è l'evoluzione del protagonista.
Mi piacciono le letture leggere ma non troppo; mi piace leggere di adolescenti, perché i loro sentimenti sembrano sempre più intensi e genuini, e mi piacciono i personaggi che sono normali e reali, gli anti-eroi e i sognatori. 
Tutte cose che ho trovato nei tre romanzi che compongono la trilogia dei fratelli Wolfe.
Io mi sono molto affezionata a Cameron. E voi?

Buona lettura


Link utili:
https://it.wikipedia.org/wiki/Markus_Zusak
http://www.edizionifrassinelli.it/libro/a-15-anni-sei-troppo-vecchio/
http://www.edizionifrassinelli.it/libro/vorrei-essere-mio-fratello/
http://www.edizionifrassinelli.it/libro/il-cielo-e-fatto-di-lei-e-di-me/

Denny

Questo articolo partecipa al Venerdì del libro su HomeMadeMamma

Per la Reading Challenge 2018 di TuttoPerTutti questi libri possono rientrare nelle categorie: 01 - 05 - 11 - 16 - 34 - 42 - 44 o +1